Amarone Accordini: assapora la tradizione

Fra le migliori eccellenze della vinicole del Veneto, è impossibile non citare l’ Amarone Accordini. Questo vino, che ormai ha conquistato una fama internazionale ed è divenuto uno dei più richiesti nei ristoranti stellati di tutto il mondo, è il frutto di tanto amore ed esperienza, che le cantine Accordini hanno sviluppato negli anni. In questo articolo ne descriveremo le peculiarità.

 

I segreti dell’ Amarone Accordini

Di tutti i vini che le cantine Igino Accordini producono, l’ Amarone Accordini è sicuramente il più rinomato e ricercato. Ma cosa gli conferisce quelle peculiarità organolettiche che lo hanno trasformato in uno dei mostri sacri della vinicultura veneta? Il segreto è da ricercarsi nella miscela che lo va a costituire composta da 4 uve pregiate: la Corvina Veronese, il Corvinone, la Rondinella e la Rossignola.

L’esperienza della famiglia Accordini, le varie sperimentazioni ed una continua ricerca dell’ equilibrio perfetto hanno fatto il resto. Ad oggi la formula che compone l’ Amarone è così strutturata: Corvina e Corvinoni per il 70%, Rondinella per il 20%, e Rossignola per il rimanente 10%.

 

Come abbinare l’ Amarone Accordini

Vista la sua struttura morbida ma di spessore, il profumo di liquirizia e frutta sotto spirito, ed il colore rosso granato acceso, l’ Amarone Accordini si abbina perfettamente con secondi importanti a base di carne. Naturalmente può essere servito anche durante i primi ma l’abbinamento più riuscito è sicuramente quello con aragosta e formaggi.

Non è un caso se il prestigio di questo vino è cresciuto negli anni, la sua versatilità lo ha reso infatti un ottima materia prima anche per la cottura di diverse pietanze, donando loro un sapore unico. L’impegno di Guido Accordini nel migliorare costantemente i propri prodotti è tangibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *